L'inimitata e assai svizzera




La svizzera Concava AG. ha introdotto la Tessina all'inizio degli anni '60, costruendo questo modello in piccole quantità con la qualità tipica degli orologiai svizzeri. Questa piccola macchina fotografica usa la pellicola 35mm, avvolta in caricatori speciali



impressionando fotogrammi di dimensioni di 14 x 21mm,

l'obbiettivo è lo splendido Tessinon 2,8/25 (quando è chiuso a 5,6 praticamente va tutto a fuoco da 70cm
all'infinito), l'otturatore va da 1/2 a 1/500 di secondo +B.



Furono prodotte tre versioni della Tessina praticamente uguali :


Tessina 35
Tessina 35 Automatic
Tessina 35L

Le prime due fotocamere, la 35 e la 35 Auto si distinguono praticamente solo dal logo, la differenza sostanziale ma non immediatamente apprezzabile consta nel sincro Flash: la prima Tessina 35 e la Automatic 35 avevano connessioni X, F ed M, mentre la 35L disponeva solo di X ed M, e di una connessione standard PC flash.

Un'altra immediata differenza visibile tra i vari modelli, consta nei quadranti di tempi e diaframmi, bicolori nei primi modelli, tutti neri in quelli successivi. La sottile e leggera Tessina permette di ottenere da uno spezzone 41 cm di pellicola in B/N circa 22 foto e con 36 cm di pellicola a colori circa 18 foto. Due specchi riflettono la luce all'interno della fotocamera, uno verso il vetrino di messa a fuoco, ed un altro verso la pellicola, che però in questo modo riceve l'mmagine invertita sui lati. Questo richiede la stampa del negativo con l'emulsione invertita sull'ingranditore. Molti sostenevano, a mio parere correttamente, che questo rappresenta una reale perdita di qualità, perchè l'immagine sull'emulsione deve traversare lo spessore del film per ristabilire la corretta posizione destra-sinistra dell'immagine nella realtà. Circa 400 pezzi costituiscono questo capolavoro da orologiai, ed inoltre le principali parti in movimento girano su rubini per diminuire le frizioni !



Il formato 18 x 24mm era allora in voga soprattutto grazie alle Olympus Pen, che furono le mezzoformato più famose e apprezzate dell'epoca. Sotto possiamo osservare una Tessina aperta, in cui si vede il caratteristico formato 14 x 21mm tipico di questa fotocamera.



la fotocamera è azionata da un motore a molla, che permette circa 8 scatti ad

ogni ricarica, ed è sostanzialmente la più piccola biottica mai prodotta! L'immagine viene riflessa da uno specchio fisso su un vetro smerigliato visibile sulla parte superiore della fotocamera, generalmente dotata di un mirino a pozzetto pieghevole tipo Rollei biottica come quello accanto : ma che oltre a proteggere dalla luce il vetro smerigliato mediante due antine nere laterali, è anche un mirino a traguardo diretto sportivo.


Una Tessina L nella rara versione rossacon il normale mirino a pozzetto
Una Tessina L nella rara versione doratacompleta nella sua scatola originale e con alcuni accessori.


In questa versione della Tessina possiamo notare il mirino a ingrandimento
diretto del vetro smerigliato, fisso, senza antine protettive per la luce come nella versione precedente tipo "Waist Level".

Sono disponibili anche ulteriori mirini, tra cui un raro mirino Loupe.



sopra è visibile un pentaprisma, una taglierina metallica cromata, la catenella e la basetta

(dimensioni di 20x25x10mm) per portare la fotocamera a tracolla, i caricatori prodotti da Gepe e in catalogo,

l'accessorio meno sconosciuto e più difficile da trovare: il mirino angolare
(grazie delle foto e della cortesia a Claudio Tinelli).



il rarissimo (e bruttissimo) flash originale,


il pentaprisma, visibile con la sua confezione e su una versione nera della Tessina L :



Inoltre erano disponibili un esposimetro ( dimensioni 20x25x10 mm) accoppiato ai tempi in tre versioni, con finitura tutta cromata, nera e cromata, tutta nera.

Versione nera/cromata :
versione tutta cromata montata su una Tessina L dorata

versione tutta nera montata su una Tessina L nera

Accanto sono visibili una cinghia da polso, un pentaprisma, 3 caricatori speciali, nonché la confezione di cartone originale che conteneva la Tessina, e il caricatore per pellicola in luce diurna contenuto nella sua confezione originale nera, nonchè un set di filtri nel loro imballo originale.

Era possibile inoltre calzare la fotocamera come un grosso orologio, accessorio peraltro disponibile prodotto da Certina, inseribile nella slitta portaccessori, normalmente occupata da una tabella stampata su una sottile lamina metallica a sfondo nero).




Una rara versione della Tessina, nera, costruita con ingranaggi in nylon ( normalmente metallici ) per rendere ancora più silenzioso il trascinamento, costruita per speciali propositi legati alla sorveglianza.

Sotto è possibile osservare il caricatore per pellicola in luce diurna accanto alla rara versione trasparente data ai dettaglianti per spiegare il caricamento dal rullo 135:

La Tessina è una macchina fotografica elegante, la maggior parte dei modelli furono prodotti nella versione cromata, ma alcune Tessina sono state prodotte in colore rosso, oro o nero sia nelle verioni 35, 35 Automatic, che 35 L. Queste versioni colorate sono ovviamente assai più costose e possono valere anche il doppio della versione cromata.



I valori attuali della fotocamera e dei principali accessori :

Tessina 35, 35 Automatic Tessina 35L cromate
circa 500 euro
Tessina 35 rosse, nere e dorate
circa 1000 euro
Pentaprisma
circa 300 Euro
Orologio
circa 800 Euro
Borsa Pronto
circa 50 euro
Flash
circa 250 euro
Mirino Loupe
circa 250 euro
Esposimetro
circa 300 euro
Caricatore in luce diurna
circa 35 euro
Cinghia da polso
circa 90 euro
Catenella e basetta
circa 100 euro
Exposure plate (tabella profondità di campo)
circa 20 euro


Instruction manual of Tessina 35 Automatic HERE

to contact me,click on me!

Massimo Bertacchi, 21 Giu 2003

from 26 Oct 1998
these pages were visited by



collectors